Ciò che non può danzare sul bordo delle labbra, va a urlare in fondo all’anima.
(Christian Bobin)

#Prigionesilenziosa3 …Silenzio

Un urlo silenzioso soffocato sul confine tra realtà e incubo. La mimica facciale dell’opera di Giuseppe Miccichè rivela le difficoltà relazionali tra essere umano e società circostante, una società che lo rende prigioniero di una gabbia invisibile, carcere desolante che non lascia possibilità di liberarsi. L’argilla cotta è plasmata con tensione nervosa ed energia pronte ad esplodere; la materia si fa dunque manifesto visivo del mondo contemporaneo. La fisionomia indefinita, attraente e conturbante, permette al fruitore di porsi in ascolto in un vuoto dimensionale, lasciando che le emozioni possano identificarsi in quel volto che parla un linguaggio universale scavato nella sofferenza.

Urlo… Strepito… Ululato… Atto che sta all’inizio della vita dell’uomo sulla terra secondo il filosofo Emanuele Severino. Grido di caccia, di guerra, d’amore, di terrore, di gioia, di dolore, di morte. Un suono primitivo che, dalla notte dei tempi attraversa il vento e la terra, la nube e il mare, l’albero, la pietra, il fiume. Giuseppe, dunque, con questa scultura svela un personalissimo percorso a tappe dove, ad ogni sosta, accade un incontro e uno scambio viscerale che attraversa, in questo caso, la plasticità della sostanza corporea per giungere a luoghi oscuri e reconditi. Una ricerca esclusiva che ci interpella in modo potente e prepotente, un’immagine che moltiplica all’infinito una eco mentre l’universo intero diviene cassa di risonanza di un modus vivendi giunto alle soglie di un’Apocalisse ineluttabile.

Massimiliano Porro: Critico e Storico dell’Arte
Docente presso l’Accademia di Belle Arti ”Aldo Galli” di Como e presso il liceo Artistico Bernardino Luini di Cantù